Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, comunitasanmaurizio.it utilizza cookies, anche di terze parti.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookies policy Per saperne di piu'

Approvo

Mons. Gian Paolo Citterio è tornato alla casa del Padre

MONSmons. Gian Paolo Citterio. GIAN PAOLO CITTERIO è tornato alla casa del padre venerdì 28 luglio 2017.
Era nato a Carugo il 22 febbraio 1942 ma è cresciuto a Cassano. Ha maturato la vocazione sacerdotale, si può davvero dire, all'ombra del campanile di S.Maria del Cerro, risiedendo presso la custodia dell'adiacente Castello Visconteo.
E' stato ordinato sacerdote della Diocesi di Milano il 28-6-1966. Ottenuta la Licenza in teologia è stato nominato vicario parrocchiale presso la basilica di Sant'Ambrogio a Milano. Parroco a Vighignolo, dal 1981, e in S. Domenico a Legnano, dal 1987 al 1996. In questo periodo ha ricoperto inoltre, dal 1989, la responsabilità di decano del Decanato di Legnano. Mantenendo questi incarichi, don Citterio ha assunto anche il compito di amministratore parrocchiale presso i Santi Salvatore e Margherita a Busto Garolfo, dal 1994 al 1995, e al Santissimo Redentore a Legnano, nel 1996. Dal 1996 Parroco di S. Vittore a Rho e dal 2000 anche decano del Decanato di Rho.
Il 15 maggio 2011 l'Arcivescovo Dionigi Tettamanzi lo ha nominato vicario episcopale per la zona pastorale IV, incarico che ha condotto fino all'ultimo nel modo in cui l’Arcivescovo Angelo Scola lo ha definito lunedì alle esequie nel Santuario di Rho: “sacerdote ambrosiano fino al midollo” e “infaticabile”.

Nella nostra chiesa di Santa Maria del Cerro si è svolta mercoledì 2 agosto una Celebrazione Eucaristica di suffragio per don Gian Paolo presieduta da mons. Luigi Stucchi, compagno di don Gian Paolo negli anni del seminario e da allora grande amico come ha ben evidenziato nell'omelia.

Cliccando quì si possono leggere i testi dell'omelia di mons. Luigi Stucchi e i ringraziamenti dei familiari a voce di padre Marco Moroni, nipote di don Gian Paolo.
Invece Cliccando quì potete leggere il testamento spirituale di don Gian Paolo